NZocche'


una serata quieta…
19 dicembre 2015, 18:44
Filed under: 1, Eventi di N'Z, N'Z

Questo slideshow richiede JavaScript.

musiche per la pace dei cuori
Mauro D’Agati e Tommaso Chirco duo chitarra acustica e voce

 

 



BUTTANE E BORDELLI.
5 novembre 2015, 18:19
Filed under: 1, Eventi di N'Z, N'Z

È possibile ragionare sulla prostituzione scrollandoci di dosso le secolari incrostazioni moraliste e sessuofobiche di cui è intrisa la cultura patriarcale?
Spesso quando si parla di prostituzione si finisce col perdere di vista le prostitute stesse, quelle che noi – in questo pezzo di Sicilia – chiamiamo “buttane”.
Chi sono le buttane? Cos’erano i bordelli? E, soprattutto, cosa significa essere buttana? Stiamo parlando di buttane vere, quelle che fanno “la vita” perché è così e basta. A nessun medico, avvocato, politico si chiede conto e ragione della propria professione. Una buttana, invece, è sempre condannata 
a prescindere. E se si trattasse di una scelta? Perché mai una donna non dovrebbe essere padrona di fare quel che vuole del proprio corpo? «Il corpo è mio e lo gestisco io!» – urlava uno slogan del ’77.
Ma fare la buttana non è una cosa che si può riassumere in uno slogan. E il ’77 è lontano.
La buttana è sempre stata odiata, specialmente dalle donne, perché ha a che fare con il desiderio, ed è forse in questo che risiede il suo potenziale sovversivo, scardinante, spiazzante.
Ma quanta autodeterminazione c’è nell’essere buttana? Quanta libertà può esserci in un mestiere che, da sempre, funziona attraverso meccanimi di sopraffazione, sfruttamento e dominio da parte dei maschi?

Nzocchè Circolo Arci, Libert’Aria e Alibi vi propongono una rassegna di tre film, tutti diversi tra loro, dal titolo inequivocabile: BUTTANE E BORDELLI.
locandina-di-buttane-e-b

venerdì 6 novembre alle 20,30
ARRANGIATEVI di Mauro Bolognini, film del ’59, ambientato subito dopo l’abolizione delle “case chiuse” in seguito alla legge Merlin. Uno spaccato di un’Italia che non c’è più, del cambio di atteggiamento nei confronti della prostituzione, con un magistrale Peppino De Filippo.
 
 
giovedì 12 novembre alle 20,30
ADUA E LE COMPAGNE è un film del ’60 di Antonio Pietrangeli. Film drammatico: la storia di quattro ragazze che lasciano il bordello per costruirsi una nuova vita con i risparmi accumulati. Un finale che non si può raccontare, e una meravigliosa Simone Signoret.
 
 
giovedì 19 novembre alle 20,30
IRMA LA DOLCE è un capolavoro del ’63 di Billy Wilder, una bellissima favola d’amore con la stupenda ambientazione dei mercati generali parigini – Les Halles – ricostruiti in studio; epoca e luogo dove ognuno di noi vorrebbe vivere, Jack Lemmon e Shirley MacLain insuperabili.

Tre film da vedere con l’immedesimazione, basta decidere da che parte stare.
A noi basta sapere che le buttane sono donne, prima di tutto e contro tutto.
Ecco perché, in ogni caso, staremo sempre con le buttane, e mai con gli sfruttatori.



colonne sonore, cartoon e altri giochi
17 ottobre 2015, 18:37
Filed under: 1, Eventi di N'Z, N'Z
mauro d'agati e tommaso chirco serata quieta (10)
video
     video 1      video2

Mauro D’Agati e Tommaso Chirco duo chitarra acustica e voce


MUOS e guerra tra Giustizia e Lotta popolare
6 luglio 2015, 16:41
Filed under: Senza categoria
MUOS e guerra tra Giustizia e Lotta popolare

in attesa del giudizio d’appello pendente innanzi al CGA il prossimo 8 luglio
incontro con
Antonio Mazzeo, Giornalista, ecopacifista e antimilitarista.
Nicola Giudice – Avvocato Legambiente, coestensore dei ricorsi al Tar contro il MUOS
Francesco Lo Cascio, MIR – Movimento internazionale della riconciliazione
Tommaso Gullo, ARCI Palermo
Siamo tutti Nomuos – Palermo 
Iniziativa del Comitato di base No MUOS – Palermo

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 



ANTOLOGAIA
19 giugno 2015, 16:30
Filed under: 1, Eventi di N'Z, l'ospitata, N'Z

nzocchè nell’ambito delle iniziative del pride2

presenta la nuova edizione di AntoloGaia (Alegre 2015) di Porpora Marcasciano.

C’era una volta in Italia, come in tante altre parti del mondo, una realtà un po’ diversa da quella che consociamo o immaginiamo oggi. Una realtà in cui trans, gay, lesbiche, donne e non solo rivoluzionavano la propria vita e di riflesso tutto il mondo attorno. Era una scena ancora tutta da inventare, prima che altri la inventassero per noi: bisognava dare senso, forma e soprattutto sostanza alla nostra liberazione. In questa nuova e arricchita edizione del libro Porpora Marcasciano, l’attivista più conosciuta del movimento gaylesbicotrans, costruisce uno sguardo diverso e particolare sugli anni 70. La narrazione dei fatti, delle cose, delle idee e dei personaggi in un periodo che ha permesso a tutte/i di essere più liberi.

«Per trip intendo il viaggio che comprende tutto il mio percorso, quello che avevo cominciato nel settembre del 1973, quando mi si spalancò davanti un nuovo mondo, quando cominciai a capire tante cose, a prendere coscienza, quando smisi di vergognarmi e compresi che tutto quello che mi era stato detto fino a quel momento era falso. Gli indiani non erano i cattivi, i comunisti non erano cannibali, gli anarchici non erano assassini e gli omosessuali non erano mostri, gli stronzi che vorrebbero fartelo credere sono invece autentici: stronzi, veramente stronzi.» Porpora Marcasciano

Ne discuteranno con Porpora Marcasciano,
Massimo Milani, Barbara Amodeo, Luigi Carollo e Mirko Pace.

L’incontro è aperto a tutt*, l’ingresso è gratuito.

Porpora Marcasciano autrice di ANTOLOGAIA è la presidente del Mit Movimento Identità Transessuale, ha pubblicato: Tra le rose e le viole. La storia e le storie di transessuali e travestiti (Manifestolibri, 2002) e Favolose narranti. Storie di transessuali (Manifestolibri, 2008) e vari altri saggi sulla transessualità e la storia del movimento LGBT.

Massimo Milani è la Massimona attrice artista artigiano del cuoio già militante nel FUORI e fondatore, insieme al compagno Gino Campanella ed altri, del primo circolo arci gay in Italia a Palermo.

Barbara Amodeo è componente del direttivo PalermoPride, una delle fondatrici del primo circolo arcilesbica in Sicilia a Palermo il famoso LadyOscar.

Luigi Carollo è il vicecoordinatore del PalermoPride, presidente del circolo ArticoloTre .

Mirko Pace è componente del direttivo PalermoPride, presidente di ArciGay Palermo e rappresenta la nuova generazione di militanti LGBT.

Questo slideshow richiede JavaScript.

AntoloGaia giovedì 18 giugno 2015 alle 19
presso il circolo arci nzocchè 
Via E. Ximenes, 95
 – Palermo



nz al SQFF 2015 presso i Cantieri Culturali alla Zisa Palermo
31 maggio 2015, 17:05
Filed under: 1, Eventi di N'Z, N'Z

per il SQFF dal 24 al 31 maggio siamo ai Cantieri Culturali alla Zisa.


Vi aspettiamo!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.


trovate di seguito i link con il programma integrale e il sito web di SQFF
il programma integrale
#INFO-CONTATTI-ACCREDITI-CURIOSITÀ | clicca e vai sul sito



Chiara Gazzola con “Fra diagnosi e peccato. La discriminazione secolare nella psichiatria e nella religione”
22 maggio 2015, 16:10
Filed under: Eventi di N'Z, l'ospitata, N'Z

“Fra diagnosi e peccato. La discriminazione secolare nella psichiatria e nella religione”di Chiara Gazzola, Mimesis edizioni.

L’iniziativa è promossa insieme a Libert’Aria – spazio di cultura.

Questo testo propone un approfondimento del legame fra la disciplina psichiatrica e gli ambiti religiosi. Emerge una pianificata incoerenza fra gli intenti dichiarati e una prassi che, invece, si limita ad amministrare un’esclusione sociale edificata sul controllo e sul profitto. Attraverso il labile concetto di “norma comportamentale” viene sancita ogni devianza declinandola sui peccati e sulle diagnosi.
Fra senso di colpa, paura, emarginazione, conformismo, paradossi filosofici, punizioni e sofferenza si collocano le esperienze eccezionali di chi ha saputo resistere, di chi non ha accettato l’annientamento della propria libertà. La volontà di ricostruire una memoria cancellata dai timbri maschili darà voce a un coro femminile che ridipingerà contesti storici e pensieri scomodi.
Se l’umanità non temesse l’imprevedibilità, potrebbe non delegare le soluzioni a elaborazioni totalitarie.
L’analisi è completata da un’intervista a un esorcista e dalle conversazioni con il medico Giorgio Antonucci e con l’antropologa Michela Zucca.

Questo slideshow richiede JavaScript.




Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.